Blog: http://anerella.ilcannocchiale.it

Cristiani, l'olocausto silenzioso

 

Venerdì 21 si è svolto a Nova Milanese l’incontro “Cristiani, l’olocausto silenzioso del terzo millennio” Presenti don Ayad Yako Mansour, sacerdote cattolico iracheno e don Gabriele Mangiarotti sacerdote della diocesi di San Marino Montefeltro e direttore del sito www.culturacattolica.it

“Tutto è partito dalla mia famiglia, da ciò che ho vissuto e respirato in mezzo a loro” ha detto Don Yako, raccontando la sua esperienza. Ottavo di dodici figli, cresciuto in una famiglia cattolica si è laureato in medicina, poi è andato a Nassiriya, soldato di Saddam, unico cristiano in mezzo a mille musulmani. Ha ricordato che come afferma san Paolo: «Laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia » (Rm 5,20), e quindi anche questa esperienza ha fatto maturare in lui la vocazione al sacerdozio. Don Yako ha ricordato che i cristiani in Iraq sono sempre stati un vero ponte tra oriente ed occidente, portatori di una cultura della famiglia stabile, dell’educazione come valore fondante, del lavoro come passione.

“In occidente avete molte cose positive e belle, ma mancano alcuni elementi dell’esperienza dei cristiani d’oriente, voi vivete una fede più intellettuale. La tragedia che stiamo vivendo, - ha detto don Yako – è come fuoco che mette alla prova la nostra fede. Dobbiamo continuamente rispondere alla domanda: Perché devo rischiare la mia vita?”

Don Gabriele ha detto: “l’incontro con il Signore ci rende fieri di quello che abbiamo incontrato e testimoni, ma sei un testimone credibile solo se sei te stesso perché la fede non è accanto o affianco alla vita ma è la vita. Una fede amica della ragione.”

A don Yako abbiamo chiesto cosa possiamo fare noi, laici e cristiani d’occidente.

Chiara la sua risposta: “Due principalmente gli aiuti che potete darci: sollecitare la comunità internazionale perché i politici iracheni modifichino la Costituzione. (ndr attualmente la Costituzione irachena ha cura di precisare che:

(a) Non può essere approvata nessuna legge che contraddica le regole indiscusse dell’Islam.

(b) Non può essere approvata nessuna legge che contraddica i principi della democrazia.

(c) Non può essere approvata nessuna legge che contraddica i diritti e le libertà fondamentali previsti in questa costituzione.”)

L’altro aiuto che potete darci è quello di non accettare come Europei. che vi siano luoghi nel mondo dove non vi sia libertà. Un paese non può essere libero se non vi è libertà religiosa”.

Pubblicato il 23/1/2011 alle 17.59 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web